Mercati azionari: oggi riapre Wall Street, attesa per i non-farm payrolls di venerdì

Scritto il alle 09:20 da cmcmarkets

Wall Street, bandiera UsaBuon esordio dei mercati azionari ieri, complice il raffreddamento delle tensioni sulla Siria (almeno temporaneo). Oggi ritorna Wall Street che cercherà di recuperare il ritardo sulle Borse europee in una settimana che si preannuncia volatile. Sono infatti attesi molti dati macro di interesse fino al clou di venerdì con i non-farm payrolls sul mercato del lavoro.

Il ritorno dei rischi geopolitici sullo sfondo dello scenario ha permesso agli investitori di focalizzarsi sul tema più ordinario del miglioramento dei dati macroeconomici, dai quali appaiono essere stati incoraggiati ieri. In assenza di Wall Steet, chiusa per la festività del Labor Day l’azionario europeo ha messo a segno una buon esordio mensile. Anche i dati economici cinesi, resi noti nel corso della nottata, hanno dato segnali positivi. Il Pmi servizi è arretrato solo leggermente rispetto a luglio, a 53,9 da 54,1.

Se nell’Europa continentale appaiono segnali di una ripresa economica tiepida la Gran Bretagna appare in accelerazione. La rilevazione sul Pmi manifatturiero di agosto, ieri, è andata oltre le attese toccando i massimi dal febbraio 2011. Ciò rinforza le attese ottimistiche sul terzo trimestre britannico. Se il dato sul Pmi costruzioni che verrà reso noto nella mattinata di oggi dovesse essere positivo vedremmo aumentare la pressione sui tassi di interesse di mercato britannici e di conseguenza verrebbe testata la credibilità dell’impegno della Bank of England nel mantenere bassi i tassi di interesse a livello centrale. Le attese di consensus per il Pmi costruzione variano tra 56,9 e 58 contro i massimi da tre anni registrati a luglio a quota 57.

Nella seduta odierna riapre Wall Street dopo il lungo fine settimana del Labor Day ed è prevedibile un ricongiungimento con i mercati europei, scappati avanti dopo la seduta di ieri. E’ possibile che sul mercato si registri anche un po’ di volatilità nel corso di questa settimana nella quale sono attesi diversi dati macroeconomici con il clou atteso venerdì con i salariati non agricoli. Nell’attesa gli investitori dovranno accontentarsi oggi delle rilevazioni Pmi e Ism di agosto. Il settore manifatturiero è stato tra quelli che peggio ha fatto negli ultimi mesi ma ci sembrano esserci alcuni segnali di recupero. L’Ism manifatturiero è atteso in arretramento dal consensus ma solo leggermente a 54 da 55,4 di luglio. Buoni o cattivi che siano i dati inevitabilmente il dibattito di fondo sarà sul solito, noioso, tapering.

Michael Hewson, Senior market analyst CMC Markets UK

Il Forex è il mercato più trattato e  il più liquido al mondo. Facendo trading con i CFD sul Forex  i trader possono negoziare qualsiasi volume con spread e margini altamente competitivi. Inoltre, il mercato Forex è meno esposto al rischio di slippage.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
La situazione si complica. Da una parte i dazi ed il neo protezionismo che la fanno da padrone. Alle mosse di USA, risponde la Cina con le dovute
DISCLAIMER – Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono s
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Stoxx Giornaliero Buonasera, situazione ciclica invariata per lo Stoxx. Ho lasciato ancora segnate sul grafico le ipotesi possibili che rigu
DJI Giornaliero Buongiorno e ben ritrovati con il nostro appuntamento mensile sul Dow Jones. Diverse le novità cicliche che marzo ha portat
Mercati colpiti duramente dallo scandalo della privacy sui social network. Ma non dimentichiamo il neo protezionismo e la guerra diplomatica contro
Oggi vorrei parlare di numeri e criptovalute, sia per fare una breve riflessione su quello che sta succedendo in queste ultime settimane, sia per
Il Fondo Monetario Internazionale bacchetta l’Italia perché la spesa pensionistica è troppo alta a scapito di quella assistenziale che viceversa