Mercati azionari: Bce, BoE e G20 dettano il tono

Scritto il alle 09:42 da cmcmarkets

La chiusura positiva di Wall Street a seguito della diffusione del Beige Book (che ha confermato una crescita definita modesta e moderata dell’economia americana) sembrerebbe aver suggellato la metabolizzazione del prossimo “tapering” da parte degli investitori da una parte mentre dall’altra è un chiaro segnale di ottimismo che potrebbe coinvolgere anche la direzionalità delle borse europee oggi, almeno nella prima parte della seduta, in attesa delle riunioni clou della Bce e della Bank of England, oltre che dell’avvio dei lavori del G20 in Russia.

A dispetto della “forward guidance” rilasciata poche settimane fa che impegna i membri del comitato della BoE a mantenere i tassi invariati allo 0,5% fino al 2016, le evoluzioni in positivo dei dati macroeconomici dell’economia britannica delle ultime settimane hanno fortemente influenzato gli operatori tanto che ora sono sempre in meno a credere che non vi sarà un rialzo del costo del denaro prima di quella data. E se è pur vero che la riunione di oggi  a Londra non aggiungerà colore a quanto già deciso, non si esclude la diffusione di un comunicato da parte della BoE che affermi come il movimento dei tassi non possa prescindere dagli sviluppi economici, per quanto possa apparire come un elemento in grado di danneggiare la credibilità dell’istituzione.

Problemi di tutt’altra natura a Francoforte, con la Bce che si trova a fare i conti con un’economia che sembra stia per uscire dalla terapia intensiva, con il cuore (la Germania) che riprende a battere e con il sangue che torna a fluire nelle  articolazioni (i paesi periferici) ma non in maniera sufficiente e omogenea tale da permettere al paziente di muoversi in maniera indipendente. Pur escludendo qualsiasi decisione sui tassi o su un eventuale cambio di politica monetaria, esiste la possibilità che Draghi diffonda nuove stime di crescita e inflazione sulla base del miglioramento dei dati economici.

Sul mercato valutario l’EURUSD mantiene la propria view rialzista verso 1,3310, oltre il quale si trova il target di 1,3410. Nonostante le oscillazioni, la sterlina continua a rafforzarsi con il cambio GBPUSD che punta a 1,5745 mentre l’EURGBP sprofonda a 0,8395. Il biglietto verde potrebbe trovare l’energia per ritornare sopra quota 100 nei confronti dello yen questo fine settimana. Solo al di sotto di 98,80 si riaprirebbe l’ipotesi ribassista.

Michael Hewson, Senior market analyst CMC Markets

Il Forex è il mercato più trattato e  il più liquido al mondo. Facendo trading con i CFD sul Forex  i trader possono negoziare qualsiasi volume con spread e margini altamente competitivi. Inoltre, il mercato Forex è meno esposto al rischio di slippage.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Ftse Mib: l'indice italiano apre oggi in gap up affrontando la resistenza psicologica importantissima dei 24.000 punti. Da verificare già in giornata
La sensazione è che l'Europa questa volta, dopo aver puntato su Macron, si è scelta il perfetto cavallo di Troia italiano, la statua di cera che
o ripeto da quando ho iniziato a scrivere su questo blog, nel lontano 2006. A comandare in borsa alla fine sono sempre loro, gli utili aziendali. Cont
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
PREVISIONE Come vediamo dal grafico mercoledì 17 gennaio dovremmo avere fatto il massimo del Mensile (1,23234), il terzo di questo Trime
Dopo una fase tentennante, il report del CFTC accetta la forza delle riforme di Donald Trump e libera ulteriore forza a favore del trend. Analisi de
Inutile che vado a spiegarvi cosa è il Big Mac Index. Per avere ulteriori informazioni sul Big Mac Index, potete cliccare QUI e avrete un sacco