Euro/dollaro, preme su 1,3500 ma il trend rimane ribassista

Scritto il alle 16:18 da cmcmarkets

Mentre il Presidente in pectore della Fed rassicura i mercati circa le misure di politica monetaria che, dati alla mano, stanno facendo uscire gli Stati Uniti dalla tremenda crisi iniziata nel 2008, in Europa si adotta il “wait and see”. In maniera fredda questo potrebbe rappresentare il resoconto degli atteggiamenti di politica monetaria adottati rispettivamente da Fed e Bce. Janet Yellen che dal primo febbraio dovrebbe ufficialmente diventare presidente della Fed, parla di fare il possibile per sostenere l’economia, rinnovando il sostegno attraverso le immissioni di liquidità che hanno permesso una crescita significativa e un miglioramento del sentiment; ovviamente l’aiuto attraverso l’introduzione di 85 miliardi di euro ogni mese non durerà in eterno, ma terminerà quando la ripresa sarà considerata “solida” e quando la disoccupazione avrà numeri più favorevoli. Quindi “tapering” rinviato e i mercati esultano.
Buone le performances anche in Europa nonostante le notizie che giungono da Eurolandia non brillano per ottimismo: Il Pil di Francia e Italia è ancora negativo mentre rallenta la Germania, come a dire, che sommando i due terzi dell’Europa siamo in contrazione e non in crescita. Addirittura positivi i risultati di Spagna e Portogallo.Solo adesso si parla di interventi non convenzionali da parte del Consiglio Europeo come tassi negativi sui depositi custoditi per conto delle Banche o immissioni di liquidità. La mossa appare decisamente tardiva.

Euro/dollaro

Siamo a 1,3488 e superare la resistenza posta a 1,35 potrebbe portare il cross a 1,3620. Ma la tendenza ribassista in atto ha bisogno di forza per essere alterata. Il raggiungimento di 1,33 è sempre alla portata

Euro/dollaro daily

Mauro Masoni, Market analyst CMC Markets

Il Forex è il mercato più trattato e  il più liquido al mondo. Facendo trading con i CFD sul Forex  i trader possono negoziare qualsiasi volume con spread e margini altamente competitivi. Inoltre, il mercato Forex è meno esposto al rischio di slippage.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Ftse Mib: prove di rimbalzo per il Ftse Mib dopo lo scivolone che lo ha caratterizzato nelle scorse sedute.  Del resto i 23.000 punti sono un livello
Nulla di nuovo per i lettori di Icebergfinanza, ma visto e considerato che la stampa mainstream italiana è tutta intenta esclusivamente ad attacc
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Pioggia di dividendi globali grazie alla robusta crescita degli utili aziendali e alla solida crescita economica. Dopo i massimi toccati a fine 2017 (
La borsa italiana è in difficoltà per colpa della crisi politica, ma Wall Street continua imperterrita la sua strada che però sarà più volatile
In Italia il clima di euforia, al momento, è venuto meno a causa delle note beghe politiche. Oggi forse avremo il nome dell’ipotetico premier,
Probabilmente nessuno ci ha fatto caso ma negli ultimi mesi avevo scritto un post che con il senno di poi, potrebbe rivelarsi profetico! EURO BRE