Mercati attendono trimestrali e dati Usa. In Italia riparte l’industria

Scritto il alle 18:23 da Redazione Finanza.com

Proseguono in frazionale calo gli indici statunitensi con il Dow Jones Industrial Average che cede lo 0,15%, mentre l’S&P500 è poco mosso. Frazionali rialzi per gli indici europei, con la periferia che ha guidato la classifica. È stato un avvio di settimana povero di spunti per le borse mondiali che attendono ora i dati macro importanti e le trimestrali in arrivo dagli Usa già a partire da domani. JP Morgan e Wells Fargo inaugureranno la stagione delle trimestrali delle banche. Non ci aspettiamo dati eccezionali dato che l’incertezza sull’avvio del tapering negli ultimi mesi del 2013 e i tassi in rialzo negli Usa potrebbero aver rallentato la concessione di mutui.

In Italia, la produzione industriale a novembre è salita dello 0,3% m/m (+1,4% a/a). Si tratta del primo rialzo annuo dopo 26 mesi che apre alla possibilità di vedere un ritorno alla crescita nell’ultimo trimestre del 2013. Dietro questi dati, a nostro avviso, si maschera un certo effetto base dovuto ai prolungati cali dei mesi passati. Bisogna ora guardare alle riforme strutturali per la crescita per fare in modo che la ripresa sia sostenibile nel medio periodo. La Bce dovrà fare molto in questo senso e il mercato si aspetta misure non convenzionali entro i primi tre mesi dell’anno.

Valute: prosegue recupero yen, cable in forte discesa
Sul fronte valutario, continua il recupero dello yen verso le principali valute dopo il violento deprezzamento di fine 2013. Per ora tale movimento rimane inquadrabile come correzione fisiologica ed è ancora presto per dire se questa tendenza possa proseguire nelle prossime sedute. Ci aspettiamo che presto lo yen possa riprendere la fase discendente che ha caratterizzato tutto il 2013. Da segnalare la forte discesa della sterlina principalmente verso dollaro. Il cable ha messo pressione ai minimi da inizio anno a 1,6345. Chiave sarà il tasso d’inflazione di dicembre in agenda domani, che se dovesse risultare superiore al 2,1% potrebbe portare a un recupero della divisa britannica.

Italia: MPS in controtendenza in vista Cda
L’indice Ftse Mib ha terminato le contrattazioni con un rialzo dello 0,66%, a quota 19.700 punti. In rialzo i titoli bancari, fatta eccezione per Monte dei Paschi che inizia a sentire le pressioni del Cda di domani. Solo una conferma dell’attuale management potrebbe evitare un ritorno delle vendite sulla banca di Piazza Salimbeni. Svetta sul listino Saipem, che torna ai massimi delle ultime sei settimane sopra quota 16 euro.

Titoli di Stato: Italia, ipotesi rimpasto governo non crea disturbo alle aste
Sul fronte governativo, buono l’esito delle aste Btp di oggi. Le tre scadenze (3, 7 e 15 anni) hanno visto rendimenti in sensibile calo, a fronte di una domanda pressoché stabile. Sulla scadenza più breve, il Tesoro è riuscito a collocare i titoli ai nuovi minimi dall’introduzione dell’euro (all’1,51%). Questo elemento non ci sorprende, dato che sul secondario il rendimento sul 3 anni viaggiava all’1,48% prima dell’asta. Il risultato però assume notevole importanza se si considera che l’ipotesi di rimpasto di governo poteva in qualche modo creare disturbo al mercato, dato che potrebbe riguardare un dicastero chiave come quello dell’Economia.

Commodity: spread Brent-Wti ai minimi da marzo 2013
Tra le materie prime, oscilla intorno ai 92 dollari/barile il future sul Wti, mentre il Brent scambia su 107 dollari, in frazionale calo dopo il raggiungimento dell’accordo tra Ue e Iran sul tema nucleare. Lo spread Brent-Wti è tornato ai massimi dallo scorso marzo dopo essere arrivato quasi del tutto ad azzerarsi durante l’estate. Questa situazione sembra essere dipesa dall’accresciuta indipendenza energetica del Paese a stelle e strisce che sta creando degli squilibri tra domanda e offerta. E proprio il calo del greggio sta portando a rallentamento dell’inflazione gettando timori di possibile deflazione nelle aree geografiche dove i consumi faticano a ripartire.

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
Mercati attendono trimestrali e dati Usa. In Italia riparte l'industria, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Malgrado i venti di guerra, i mercati tengono bene le quotazioni, anzi, rimbalzano un po' anche se siamo ancora lontani dalle valutazioni di inizio
Dopo un anno di lavoro ci si può sentire già pronti per nuove sfide, facendo scattare il desiderio di un avanzamento professionale. Ma il dubbio
Ftse Mib: l'indice italiano ieri ha dato un segnale importante chiudendo e superando al rialzo il gap down lasciato aperto il 5 febbraio. Importante u
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono se
Il mercato del lavoro è sempre più affollato da lavoratori  con contratti a termine. I giovani, di cui si compone la maggioranza di questi, far
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo