Milano rimbalza, Wall Street snobba BofA ma apprezza i conti di Yahoo

Scritto il alle 17:24 da Redazione Finanza.com

Proseguono positivi gli indici azionari a Wall Street dopo i conti incoraggianti di Yahoo (+6,3%) e i dati macro odierni. I dati sulla crescita cinese sono stati lievemente migliori delle attese, anche se in rallentamento rispetto ai trimestri precedenti. La sensazione è che gli investitori abbiano apprezzato il trend di miglioramento evidenziato nel mese di marzo dopo la debolezza dei primi mesi dell’anno. Tutto sommato positive anche le figure rilasciate negli Usa, con gli avvii di cantieri edilizi che a marzo sono saliti del 2,8% m/m. Brillante soprattutto la produzione industriale, salita ben oltre il consenso, con la capacità di utilizzo che ha raggiunto livelli che non si vedevano da giugno 2008. Importante da segnalare che la lettura di febbraio è stata rivista a +1,2% m/m (da +0,6%), segnando la miglior performance dal 2010. L’attesa è per questa sera, quando sarà pubblicato il Beige Book, che farà il punto sull’economia Usa a due settimane dal meeting del Fomc. Per ora la crescita dell’economia a stelle e strisce non è esplosiva tanto da spingere la Fed a rivedere il ritmo di riduzione degli stimoli monetari.

Sul fronte trimestrale, gli operatori sembrano aver messo da parte le cifre deludenti rilasciate da Bank of America (-2,5%) e attendono ora le figure di Google, IBM e American Express. Quest’ultima è particolarmente importante, dato che potrebbe dare un’indicazione di massima sui consumi delle famiglie Usa. Cautela per IBM, che potrebbe soffrire della vendita di pc. Volano anche le borse europee, con Milano che è stata la miglior piazza europea.

Forex: sterlina in forte apprezzamento dopo dati, BoE sempre più vicina ad alzare tassi

Sul mercato valutario, abbiamo assistito a un deprezzamento dello yen a seguito dei forti rialzi azionari che in qualche modo hanno stemperato l’avversione al rischio che ha dominato le ultime sedute. La divisa nipponica ha perso terreno verso le principali valute mondiali. In recupero la sterlina che ha beneficiato dei dati positivi arrivati sul fronte del mercato del lavoro britannico. Il tasso di disoccupazione in Gran Bretagna si è attestato al 6,9% nei tre mesi sino a febbraio contro il 7,2% dei tre mesi precedenti. Sebbene la BoE abbia abbandonato già da diversi mesi il target sul tasso di disoccupazione al 7%, riteniamo che in qualche modo la rottura di questa soglia possa avere un effetto psicologico all’interno del board della Bank of England. Certo è che la lettura che hanno dato gli operatori sembra essere quella di un innalzamento dei tassi di interesse entro la fine del 2014.

Italia: Esordio amaro per Anima

Il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni in rialzo del 3,45%, recuperando tutte le perdite di ieri. L’indice italiano è tornato in area 21.500 punti, resistenza oltre la quale si aprirebbe lo spazio per un allungo verso 22.200 punti. Rialzi superiori al 6% per quasi tutte le banche popolari. Bene anche Unicredit, Ubi e WDF. Esordio amaro, invece, per Anima che ha chiuso il primo giorno di contrattazione con un calo del 3,6%. Si tratta della prima importante operazione dell’anno sul listino milanese a cui ne seguiranno delle altre nei prossimi mesi. Il sentiment che si è creato intorno al nostro Paese potrebbe essere favorevole per le società che decideranno di quotarsi.

Titoli di Stato: BTp Italia, la palla passa agli Istituzionali, siamo lontani dal successo di novembre

Si è chiusa anticipatamente rispetto a quanto previsto la sottoscrizione di BTp Italia riservata alla clientela retail. Gli ordini hanno superato di poco la soglia dei 10 miliardi. Domani è prevista la sottoscrizione riservata agli Istituzionali. Nel complesso, stando a quanto visto sinora, riteniamo di poter affermare che l’operazione non ha bissato il successo della precedente edizione. Il mercato potrebbe aver giudicato il rendimento minimo garantito dal Tesoro (1,65%) troppo basso e non di particolare appeal. Una risposta a questa domanda l’avremo domani quando saranno gli specialisti a partecipare al collocamento. Intanto sul mercato c’è ancora qualche sprazzo di avversione al rischio come testimoniato dall’asta tedesca sul Bund a 10 anni, collocato all’1,49% (dall’1,59%), minimi da quasi un anno.

Materie Prime: Oro a ridosso di 1.300 usd dopo tonfo di ieri

Tra le commodity, cerca di recuperare la soglia dei 1.300 dollari/oncia l’oro, dopo il tonfo improvviso di ieri. Il metallo prezioso è precipitato a seguito di un ordine in vendita importante transitato sul mercato future. Si tratta di un movimento anomalo, considerando l’avversione al rischio presente sui mercati ieri. Rimane sostenuto anche il Brent, dopo la guerriglia scoppiata ieri in Ucraina, che ha portato all’uccisione di alcuni ribelli filorussi.

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
La Banca Mondiale ha emesso per il mercato italiano una nuova Obbligazione per lo Sviluppo Sostenibile in dollari americani a tasso fisso. I proventi
Ftse Mib: prove di allungo per l'indice italiano che oggi tenta la rottura al rialzo dei 23.130 punti, ultimo livello importante di resistenza della f
La schizofrenia delle "machinette", il loro costante e continuo lavoro di giorno e di notte, testimonia, la paura e il panico che stanno per avvol
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Ormai è chiaro. Stiamo vivendo una fase di transizione che non porterà a breve ad un vero bear market, ma che sarà propedeutica ad una correzione
Ci siamo lasciati con l'indice Biotech posizionato discretamente e a distanza di due settimane lo troviamo sui minimi del periodo. Come sempre mentr
Dopo che la trasmissione Le Iene ha dedicato un servizio a coloro che si occupano di validare i pagamenti della criptovaluta Bitcoin, attorno all'