Forex: Rublo in recupero su possibile intervento Banca centrale

Scritto il alle 17:15 da Redazione Finanza.com

Chiusura di settimana in rialzo per i listini azionari in vista del lungo week end pasquale. Dopo le massicce vendite dei giorni scorsi, il mercato ha tentato il recupero sulla scia di dati confortanti che sono arrivati dall’economia statunitense. Continuiamo ad avere dubbi su questo rimbalzo, dopo che i volumi si sono ridimensionati notevolmente sulle sedute positive.

Oggi è stato l’indice manifatturiero della Fed di Philadelphia, salito ai massimi degli ultimi 7 mesi, a riportare il sereno tra gli operatori. Particolarmente positivo, è stato il sotto indice delle consegne, che ha registrato la più forte lettura degli ultimi 3 anni. I miglioramenti dell’economia Usa sono stati confermati anche dal Beige Book, che ieri sera ha dipinto un quadro roseo per l’attività economica del paese a stelle e strisce.

Sul fronte corporate, le trimestrali statunitensi stanno dipingendo un quadro frastagliato, con conti positivi che si alternano ad altrettante delusioni. Il comparto tech sta riservando le delusioni più importanti.

In Europa, intanto, le attenzioni degli operatori sono rivolte al vertice di Ginevra, dove si sono incontrati Russia, Usa, Ue e Ucraina. C’è attesa per la conferenza stampa conclusiva, dove potrebbero essere annunciate nuove sanzioni alla Russia, complice di aver contribuito all’escalation delle tensioni nelle città a est dell’Ucraina.

Sul mercato forex, i buoni dati macro oggi hanno alimentato un recupero del biglietto verde verso le principali valute, dopo i cali degli ultimi giorni. Segnaliamo l’apprezzamento del rublo in attesa di sviluppi da Ginevra. Crediamo che il movimento della divisa russa possa essere stato dettato dall’intervento sul mercato della Banca centrale del paese ex Unione Sovietica che potrebbe essere intervenuta per stemperare la debolezza della valuta locale.

EUR/USD
Dal punto di vista tecnico, il cross EUR/USD ha ridotto i rialzi a metà seduta, dopo l’accelerazione di questa mattina. Le trimestrali deludenti di ieri sera hanno pesato sul dollaro Usa. Il cross rimane in rotta per chiudere il gap down aperto a inizio settimana a 1,3880. Necessario sarà il superamento dei massimi intraday a 1,3860. Il target principale rimane a 1,39, top da inizio mese oltre il quale il cross metterebbe nel mirino i picchi di marzo a 1,3965. Attenzione al cedimento dei minimi settimanali, a 1,38-1,3790, al di sotto del quale si aprirebbe lo spazio per un affondo verso 1,37. Il supporto strategico rimane a 1,3675, minimi segnati dopo i dati sui non farm payrolls di marzo.

STRATEGIA OPERATIVA

LONG sopra 1,3865 con target a 1,39 e 1,3965

SHORT sotto 1,3790 con obiettivi a 1,37 e 1,3675

EUR/JPY
Reagisce il cross Eur/Jpy che ha rimbalzato dopo essersi avvicinato al supporto di 140, area dove transita ora anche la trend line rialzista che congiunge i minimi crescenti dell’ultimo anno e mezzo. Il recupero del cross si è arrestato ora a 142, resistenza testata più volte nelle ultime due settimane. L’eventuale sfondamento in senso tecnico di questo livello potrebbe condurre verso la soglia di 143,50, picchi di inizio mese. Solo un superamento di questo livello aprirebbe a un ritorno verso i massimi di dicembre a 145,70. Indicazioni di debolezza si avrebbero con un riposizionamento sotto 141, con primo target a 140, supporto strategico di medio lungo periodo. Solo con una perforazione di questo livello che il cross potrebbe allungare verso i bottom annuali a 136. Probabilmente questa circostanza si verificherà solo dopo che la Bce avrà annunciato il proprio quantitative easing.

STRATEGIA OPERATIVA

LONG sopra 142 con obiettivi a 143,50 e 145,70

SHORT sotto 141 con obiettivi a 140 e 136

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
La Banca Mondiale ha emesso per il mercato italiano una nuova Obbligazione per lo Sviluppo Sostenibile in dollari americani a tasso fisso. I proventi
Ftse Mib: prove di allungo per l'indice italiano che oggi tenta la rottura al rialzo dei 23.130 punti, ultimo livello importante di resistenza della f
La schizofrenia delle "machinette", il loro costante e continuo lavoro di giorno e di notte, testimonia, la paura e il panico che stanno per avvol
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Ormai è chiaro. Stiamo vivendo una fase di transizione che non porterà a breve ad un vero bear market, ma che sarà propedeutica ad una correzione
Ci siamo lasciati con l'indice Biotech posizionato discretamente e a distanza di due settimane lo troviamo sui minimi del periodo. Come sempre mentr
Dopo che la trasmissione Le Iene ha dedicato un servizio a coloro che si occupano di validare i pagamenti della criptovaluta Bitcoin, attorno all'
Il Ftse Mib muove i primi passi nella nuova settimana superando quota 23.000. Forte della presenza dell'importante supporto a 22.800 l'indice di Piazz