Mercati in verde grazie alle poche tensioni create dalla crisi in Ucraina

Scritto il alle 17:38 da Redazione Finanza.com

Avvio di ottava positivo per i mercati azionari. Bene Wall Street con il Dow Jones Industrial Average che segna nuovi record storici sulla scia delle incoraggianti notizie societarie di M&A (BSkyB pronta a comprare gli assets europei di 21st Century Fox, Hillshire Brands acquista per 6,6 mld di dollari Pinnacle Foods).

Anche i mercati europei hanno chiuso in territorio positivo e hanno risentito solamente nel finale delle tensioni geopolitiche sulla scia della notizia dell’ultimatum da parte di Gazprom al Governo di Kiev per pagare le forniture di gas entro il 2 giugno. Nel weekend vi è stato il referendum indipendentista nelle regioni russofone dell’Ucraina orientale di Donetsk e Lugansk. I dati preliminari sembrano confermare una vittoria schiacciante dei “sì” (attorno al 90% delle preferenze). Molto difficile ora prevedere quale possa essere lo scenario futuro di tali regioni. Certamente le tensioni aumenteranno e ancora più difficile sarà per le parti trovare una soluzione diplomatica. Intanto l’Unione Europea ha deciso di inviare ulteriori sanzioni economiche alla Russia.

Importanti dati macroeconomici in settimana. Domani avremo l’indice ZEW tedesco che ci darà informazioni ulteriori sul clima di fiducia dell’economia tedesca. In Europa mercoledì saranno pubblicate le cifre finali sull’andamento dell’inflazione in Eurolandia di aprile. L’agenda macroeconomica è super ricca anche negli Stati Uniti (vendite al dettaglio, inflazione, indice di fiducia del Michigan, nuovi cantieri residenziali, produzione industriale).

Forex: euro/dollaro poco mosso in attesa dei dati macro
Sul fronte valutario, la caduta del cambio euro/dollaro sembra essersi fermata a 1,3750. Dopo le parole del governatore Draghi che aveva aperto uno spiraglio a un possibile lancio di misure non convenzionali nel mese di giugno, l’andamento del cross potrebbe essere movimentato nei prossimi giorni quando avremo la pubblicazione di numerose cifre macroeconomiche sia in Eurolandia che negli States.

Non ci stupirebbe osservare dopo la forte flessione dei giorni scorsi, un movimento di pullback dell’EUR/USD verso la ex trendline rialzista partita dai bottom dell’estate 2013 ora in transito a 1,3805. Attenzione che l’eventuale cedimento dei minimi a 1,3750 darebbe forza alle pressioni ribassiste per spingere il cross a 1,3675.

Italia: FTSE Mib in crescita, bene Unicredit, BPM e Banca MPS
In Italia il FTSE Mib ha terminato le contrattazioni in rialzo dello 0,48%, a quota 21493,67 punti. Bene i conti di Unicredit. Il gruppo ha mostrato nel primo trimestre profitti in crescita del 58,8% a 712 milioni di euro. Forti acquisti su Banca Mps e BPM.

FILIPPO A. DIODOVICH
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Malgrado i venti di guerra, i mercati tengono bene le quotazioni, anzi, rimbalzano un po' anche se siamo ancora lontani dalle valutazioni di inizio
Dopo un anno di lavoro ci si può sentire già pronti per nuove sfide, facendo scattare il desiderio di un avanzamento professionale. Ma il dubbio
Ftse Mib: l'indice italiano ieri ha dato un segnale importante chiudendo e superando al rialzo il gap down lasciato aperto il 5 febbraio. Importante u
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono se
Il mercato del lavoro è sempre più affollato da lavoratori  con contratti a termine. I giovani, di cui si compone la maggioranza di questi, far
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo