FOREX: Dollaro Usa in forte recupero, male la sterlina

Scritto il alle 17:19 da Redazione Finanza.com

dollar index, forex, dollaro usa, recupero dollaro usa, euro, sterlina inglese, borse.it

Proseguono in lieve territorio positivo le borse Usa in una seduta caratterizzata dai dati macro contrastanti. Le vendite di nuove abitazioni a giugno sono scese dell’8,1% rispetto al mese precedente, a quota 406 mila unità. Rivisto anche il dato di maggio a 442 mila unità contro le 504 mila della lettura precedente. Segnali più incoraggianti sono arrivati dal mercato del lavoro, con le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione che sono scese ai minimi dal 2006, a 284 mila unità. Nonostante i dubbi arrivati del mercato immobiliare, i dati hanno alimentato gli acquisti sul dollaro statunitense, con il Dollar Index che ha sfiorato quota 81 punti, nuovo massimo da inizio giugno. Gli investitori stanno aspettando le indicazioni che potrebbero arrivare dalla Fed la prossima settimana, quando si riunirà il FOMC per decidere sulla politica monetaria.

Il biglietto verde ha perso terreno solo contro l’euro. La moneta unica ha recuperato oggi un po’ di terreno nei confronti delle principali valute dopo la debolezza degli ultimi giorni, grazie a una serie di ricoperture tecniche dei ribassisti dopo i dati migliori delle attese sui PMI dell’eurozona. Male la sterlina, dopo i dati deboli sulle vendite al dettaglio di giugno. Anche qui i movimenti potrebbero essere interpretati come ricoperture da parte di coloro che stanno puntando a un rialzo anticipato dei tassi da parte della Bank of England.

Sul fronte Ucraina, questo pomeriggio il premier Arseniy Yatseniuk ha rassegnato le dimissioni, aprendo di fatto a una crisi di governo. Il tutto in un contesto di mercato che sta aspettando le nuove sanzioni della Ue alla Russia. Le novità che arriveranno probabilmente questa sera, potrebbero avere ripercussioni sui mercati asiatici nella notte e su quelli europei solo domattina.

DOLLAR INDEX
I forti acquisti sul biglietto verde hanno spinto il Dollar Index, che sintetizza l’andamento del dollaro verso un paniere di valute, ai nuovi massimi da quasi due mesi. L’indice si è attestato a 80,98, al ridosso della resistenza collocata a 81 punti. Se le figure sugli ordini di beni durevoli di domani dovessero battere le attese, è lecito attendersi un accelerazione verso quota 81,50, top di novembre scorso. Il principale target rimane a 82,60, che potrebbe essere toccato mercoledì prossimo, se dovessero emergere indicazioni per un rialzo dei tassi. In questo momento, solo una discesa sotto 80,60 potrebbe aprire a un test verso area 80, 79,80, minimi di inizio mese.

STRATEGIA OPERATIVA
LONG sopra 81 con target a 81,50
SHORT sotto 80,60 con obiettivo a 80

GBP/USD
Forte calo del cable oggi, complice i dati positivi sull’occupazione Usa e le figure deludenti sulle vendite al dettaglio in UK. Le due forze hanno permesso così al cambio Gbp/Usd di rompere il supporto collocato a 1,7050 (resistenza a giugno) e di tornare ai minimi da oltre un mese, poco sotto 1,70. Il cambio ora potrebbe tentare un test alla trend line che congiunge i minimi degli ultimi 8 mesi, in transito a 1,6925. Da qui gli acquisti potrebbero tornare a prevalere. Certo che la corsa di questo cross nelle ultime 8 settimane è stata molto importante e non si può escludere un test ai minimi di giugno a 1,67. Il quadro tornerebbe rialzista solo con un riposizionamento sopra 1,7050, elemento questo che potrebbe aprire a un ritorno verso i massimi di periodo, a 1,72.

LONG sopra 1,7050 con target a 1,72
SHORT sotto 1,6970 con obiettivi a 1,6925 e 1,67

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Malgrado i venti di guerra, i mercati tengono bene le quotazioni, anzi, rimbalzano un po' anche se siamo ancora lontani dalle valutazioni di inizio
Dopo un anno di lavoro ci si può sentire già pronti per nuove sfide, facendo scattare il desiderio di un avanzamento professionale. Ma il dubbio
Ftse Mib: l'indice italiano ieri ha dato un segnale importante chiudendo e superando al rialzo il gap down lasciato aperto il 5 febbraio. Importante u
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono se
Il mercato del lavoro è sempre più affollato da lavoratori  con contratti a termine. I giovani, di cui si compone la maggioranza di questi, far
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo