Italia: i dati del Pil riportano il Paese in recessione, il QE della Bce è troppo lento

Scritto il alle 11:08 da Redazione Finanza.com

italia, recessione, pil 2014, pil secondo trimestre, qe, bce, qe lento, italia recessione, IG, vincenzo longo, borse.it
Torna in recessione l’Italia dopo la stima del Pil del 2° trimestre del 2014. Il dato congiunturale ha mostrato una discesa dello 0,2% (+0,1% atteso), mentre quello tendenziale ha registrato un -0,3%.

Sono dati peggiori alle stime già abbastanza deludenti che circolavano nei giorni scorsi. Il Paese torna così in recessione dopo esserne uscito a fine 2013. Ora gli investitori, che sin dalla fine del 2013 erano tornati positivi sul nostro Paese, iniziano a nutrire seri dubbi sulle possibilità di ripresa dell’economia.

Il deterioramento del sentiment sul mercato azionario è iniziato già a giugno, quando sono apparsi i primi segnali di debolezza dell’economia. Il Ftse Mib ha toccato dopo i dati un nuovo minimo da inizio febbraio a 19.560 punti, portando la performance dell’ultima settimana a un -7%.

Timida risalita dei rendimenti sui Btp, con quello sulla scadenza 2024 passato dal 2,75% al 2,80%. Se il mercato governativo mostra una buona tenuta, lo si deve solo alla disinflazione in corso e ai timori che questa sfoci in deflazione. Questo fenomeno spinge i consumatori a investire in attività finanziarie.

Le altre economie d’Europa non sono in una situazione molto migliore della nostra. I dati sugli ordini all’industria tedesca rilasciati questa mattina sono abbastanza drammatici. Si tratta del peggior calo da oltre due anni e mezzo, complice un tonfo delle richieste dalla zona euro.

Interessanti saranno i commenti ai dati odierni che potrebbero arrivare dalla conferenza stampa di Draghi di domani. Il mercato punta a velocizzare i tempi per l’attivazione del quantitative easing. Così come concepito dalla Bce, il timing però dipenderà dall’esito delle aste TLtro. Insomma gli investitori sembrano temere che il piano di azione studiato a Francoforte possa richiedere troppo tempo e non riuscirà a tamponare un’altra frenata dell’economia della zona euro.

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , , , ,   |
1 commento Commenta
atomictonto
Scritto il 6 agosto 2014 at 12:03

A mio modestissimo parere la BCE deve mettersi a “stampare” a tutta forza come la FED, la BoE e la BoJ.
E chissenefrega di sto del limite del 3% del deficit/PIL; la Francia lo ha sforato per 8 anni su 13 (quasi il 70% delle volte, per loro non c’è e basta), la Germania l’ha sforato 3 volte, gli USA se ne sbattono i santissimi e viaggiano con il 6-8% fisso da 20 anni.
Tanto ormai la massa di debito dei derivati ha raggiunto oltre 3 volte il PIL del pianeta…chissenefrega, raggiunga anche 10 volte, la Terra è un sistema finito, non è che siamo più o meno indebitati di quelli di Uranio o di Proxima Centauri. 8-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 4 votes)

Articoli Recenti dal Network
La volatilità non è più quella del 2017. Il mercato sta evidentemente cambiando pelle ma non per questo è diventato incomprensibile. Anzi, in qu
Stoxx Giornaliero Buongiorno, Stoxx che dà vita ad una nuova struttura ciclica di indice di grado mensile dal minimo di lunedì 26 marzo alla
DJI Giornaliero Buongiorno e ben ritrovati con il nostro appuntamento mensile sul Dow Jones. Diverse le novità cicliche che marzo ha portat
Il tantra dei gestori, negli ultimi mesi, è stato senza dubbio questo: diminuire la duration dei portafogli. C’è della logica, ci mancherebbe
Il Ftse Mib apre in lieve correzione dopo l'impulso rialzista di ieri ma resta sopra i supporti più importanti, a cominciare dalla ex resistenza in z
La cornucopia delle pensioni è approntata ma non si decide a elargire i suoi frutti. E’ un gran parlare di modifiche, riforme, soppressione di ques
Ma davvero c'era qualche ingenuo che credeva che le trattative tra gli Stati Uniti e la Cina per evitare una vera e propria guerra commerciale era
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup