FOREX: il Dollar Index che balza sui massimi da 13 mesi, cresce la febbre per Draghi

Scritto il alle 18:24 da Redazione Finanza.com

mario draghi, bce, banca centrale europea, decisione tassi, qe europeo, boe, bank of england, borse.it
Mancano meno di 48 ore alla conferenza stampa del governatore della BCE Mario Draghi. Tutti gli operatori sono in attesa di valutare le dichiarazioni del numero uno dell’istituto di Francoforte dopo le parole già espresse nel Simposio di Jackson Hole negli Stati Uniti. Noi riteniamo che, per il momento, Draghi e gli altri banchieri centrali del Vecchio Continente siano intenzionati a valutare gli effetti delle manovre annunciate a giugno (tassi negativi sui depositi, aste di rifinanziamento mirate T-LTRO e la rivitalizzazione del mercato degli ABS) sull’economia reale prima di promuovere nuovi stimoli monetari. Ci aspettiamo, quindi, che Draghi possa utilizzare toni particolarmente accomodanti (“dovish”) e sceglierà solamente di ottimizzare/finalizzare le misure già annunciate lasciando sempre la porta aperta a un piano di QE/CE massiccio in caso di forte aumento dei rischi di deflazione.

DOLLAR INDEX SUI MASSIMI DEGLI ULTIMI 13 MESI
Il dollar index sui massimi da luglio 2013 al di sopra degli 83 punti dopo l’ennesimo dato macroeconomico positivo. L’indice ISM manifatturiero ha evidenziato nel mese di agosto una forte accelerazione salendo a 59,1 punti, ben superiore alle attese del consensus. Soprattutto il sotto-indice relativo agli ordini ha toccato massimi da aprile 2004. Le cifre portano a pensare che la FED sia sempre piu’ orientata verso un cambio radicale delle proprie strategie monetarie. Le nostre previsioni sono fissate per una fine del QE nel mese di ottobre e un rialzo del costo del denaro nel primo trimestre 2015. Ci aspettiamo un dollaro forte nei prossimi mesi.

TRABALLA LA STERLINA UK, REFERENDUM SCOZIA INCERTO
Seduta debole per la sterlina britannica che risente notevolmente dell’incertezza sul referendum relativo all’indipendenza della Scozia dalla Gran Bretagna. A due settimane dal voto (18 settembre) YouGov ha pubblicato i recenti sondaggi che hanno evidenziato un forte recupero dei “si” (ovvero degli scozzesi favorevoli all’indipendenza), arrivati a solo 6 punti percentuali dai “no” (53% no, 47% si). Qualche mese fa la differenza era di oltre venti punti percentuali. Riteniamo che l’incertezza sull’esito del voto possa avere un effetto negativo nel breve termine per la sterlina.

NUOVI BOTTOM STORICI DEL RUBLO RUSSO
Continua a crollare la divisa russa sulla scia delle elevate tensioni tra Occidente e Mosca legate alla crisi in Ucraina. Solamente ai tempi della guerra fredda e della caduta del muro di Berlino si ricordava un “gelo” così forte nei rapporti diplomatici fra le parti. Nelle regioni orientali continuano gli scontri tra l’esercito di Kiev e le truppe separatiste filo-russe appoggiate ormai ufficialmente da Putin. Come ha dichiarato anche il presidente della Commissione Europea Jose Manuel Barroso siamo molto vicini a un punto di non ritorno.

PROSPETTIVE DI BREVE (1MESE)
LONG su USD
SHORT su GBP, EUR e RUB

EUR/USD
Il cambio eurodollaro ha segnato nuovi minimi storici degli ultimi 12 mesi circa a 1,3110. Siamo molto vicini al supporto strategico di medio/lungo termine a 1,3105, bottom del 6 settembre 2013, il cui cedimento aumenterebbe le pressioni ribassiste spingendo il cross verso 1,30 almeno.

STRATEGIA OPERATIVA
LONG sopra 1,3220 per 1,3335 stop loss a 1,3105.
SHORT sotto 1,31 per 1,3020 e 1,2790, stop loss a 1,3220.
FILIPPO A. DIODOVICH
Market Strategist IG

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Analisi Tecnica Il nostrano esce dalla parte alta del trading range ponendo il target in area 24285. Target che potrebbe essere raggiunto non senz
Uno dei principali ostacoli all’adesione alla previdenza complementare era costituito dall’obbligo del versamento intrgrale del proprio tfr alla f
Periodo di trimestrali USA e non solo. Qui vi presenterò un sunto di quanto sta accadendo; ma non solo lo spot conta. E il futuro degli utili azien
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo
Il FMI scopre l’acqua calda. Nel World Economic Outlook il Fondo Monetario Internazionale ha confermato le stime di crescita globale 2018 e 2019
Probabilmente molti di Voi non ci hanno fatto caso ma in settimana tra le righe in anteprima vi avevamo messo una notizia, da prendere in seria co
Avvio in marginale ribasso per il Ftse Mib che comunque resta in quota sopra 23.700 in una situazione di bassa volatilità che ormai sta caratterizzan
Tra gli alti ed i bassi teoricamente imprevedibili, qualcosa di molto metodico, invece, è visibile sul mercato. Facciamo riferimento al solito b