APPLE alza il velo sull’iPhone, ma il mercato non vede l’ora dell’iWatch  

Scritto il alle 19:13 da Redazione Finanza.com

apple, iphone, iwatch, nuovo iphone, nuovo iwatch, nuovi modelli apple, Flint Center Cupertino, cupertino, nuovo smartphone, ios8, sistema operativo, samsung, concorrente, galaxy, funzione Handoff, Tim Cook, Ceo Apple, borse.it
Manca veramente poco ormai al lancio del nuovo iPhone 6 e gli operatori sembrano interrogarsi su cosa Tim Cook, Ceo di Apple, farà per sorprendere il mercato.

L’annuncio al Flint Center di Cupertino

Domani sera al Flint Center di Cupertino, dove ben 30 anni fa Steve Jobs lanciò il primo Mac, Tim Cook alzerà il velo sul nuovo smartphone targato Apple. Non sembrano esserci più dubbi. Due le versioni disponibili: una da 4,7 pollici e l’altra da 5,5, entrambe con sistema operativo iOS 8. La scelta di optare per schermi di dimensioni più grandi sembra essere dettata dall’esigenza di andare a competere con i prodotti della concorrente Samsung, in particolare con i modelli Galaxy S5 e Galaxy Note.

Ma il mercato sembra guardare oltre. C’è grande attesa, infatti, per l’annuncio dell’iWatch (o iTime secondo alcune indiscrezioni), lo smartwatch targato Apple. Sebbene siano circolate voci su dei ritardi alla produzione, una buona parte del mercato sembra aver anticipato la possibilità del lancio dell’orologio da polso di ultima generazione, inizialmente previsto a dicembre. Tante saranno le novità rispetto ai prodotti simili in commercio. Dal display flessibile in cristalli di zaffiro, alla ricarica in modalità wireless, sino ai pagamenti elettronici (attraverso l’NFC, Near Field Communication) e alla possibilità di trasferire dati ad altri dispositivi con la funzione Handoff.

Potrebbe essere questa la vera novità in grado di stupire il mercato e portare a una ripresa di redditività, vista la contrazione dei margini degli ultimi trimestri. La crescente concorrenza su smartphone e tablet ha reso questi mercati particolarmente saturi e lo sviluppo di nuovi prodotti potrebbe essere salutato in maniera positiva dagli investitori.

Il bilancio
Il flusso dei ricavi risente fortemente della stagionalità, com’è possibile apprezzare nel grafico sotto.

Grafico 1           APPLE, utili e ricavi 2010-2014 (mld dollari)

grafico ricavi apple, grafico utile apple, grafico apple, utile netto apple, ricavi apple, iphone, nuovo iphone, iwatch, nuovo iwatch, borse.it

L’azienda di Cupertino ha sempre registrato un picco dei ricavi durante il primo trimestre fiscale (ottobre-dicembre), grazie alle vendite natalizie, con una fase di stabilizzazione tra il 3° e il 4° trimestre (periodo marzo-settembre). Non è un caso che i record di vendite di iPhone (51 mln di unità) e iPad (26 mln di unità) sono stati registrati proprio in corrispondenza del trimestre ottobre-dicembre 2014.

Il nuovo iPhone andrà in commercio negli Usa solo nella seconda metà di settembre, pertanto l’impatto sui conti del trimestre in corso sarà piuttosto limitato. Anche il costo, mediamente più alto rispetto agli altri modelli di smartphone, potrebbe pesare sulle vendite. L’azienda dovrà puntare pertanto alla crescita dei mercati strategici, come quello cinese, per sperare in una ripresa dei ricavi nell’ultima parte dell’anno.

Il titolo in borsa
Intanto, in borsa il titolo, che la scorsa settimana aveva toccato i nuovi massimi storici a 103,74 dollari, ha subìto una brusca inversione di tendenza nelle ultime sedute. Il calo sarebbe imputabile per lo più a un ritracciamento fisiologico, dopo la performance messa in atto dai minimi d’inizio anno (+40%). La discesa è stata accentuata anche dalla diffusione di notizie di un attacco degli hacker ai profili di alcuni personaggi famosi e alla presentazione di nuovi prodotti da parte della concorrente Samsung. Gli investitori iniziano a sentire la vicinanza dell’annuncio di domani sera come un fattore di potenziale shock.

Ci aspettiamo che il mercato possa rimanere deluso nel caso l’annuncio sarà circoscritto al nuovo iPhone. Se dovesse essere presentato il nuovo smartwatch è probabile che l’entusiasmo possa alimentare una nuova fase di rialzi, con il titolo che potrebbe arrivare sino ai nuovi massimi storici a 110 dollari.

Dal punto di vista tecnico, il primo livello di supporto rimane a 90 dollari, minimi di fine giugno. Solo una perforazione di questo target potrebbe aprire a una fase discendente più marcata, che vede come obiettivi principali 81 dollari e 71 dollari (bottom del 2014). Al rialzo, un superamento di 100 dollari, aprirebbe all’ingresso di nuove posizioni long. La prima resistenza rimane sui massimi storici, a 103,75. Oltre questo livello si guarderebbe direttamente a 110 dollari.
Grafico 2                                                                          APPLE  (weekly)
grafico apple, andamento titolo apple, apple wall street, grafico weekly apple, grafico settimanale apple, apple in borsa. titolo in borsa, smartwatch, borse.it

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Ftse Mib: Il listino italiano ieri ha dato un segnale importante allontanandosi con convinzione dai 24.000 punti e rompendo al rialzo i 24.157 punti,
Come sempre nessuna novità per quanto riguarda i lettori di Icebergfinanza, forse per qualche ingenuo che osserva quasi esclusivamente la salute
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo
Apertura positiva per il Ftse Mib che varca nuovamente la soglia dei 24.000 punti e si porta con decisione all’attacco di quota 24.070. L’indice d
Lo scorso 24 aprile 2018, si è tenuta la "Conferenza sulla percezione pensionistica" durante la quale sono stati presentati i risultati dell’indagi
E’ stata la nostra scommessa, accennata la settimana scorsa e fortemente dichiarata in questa settimana nel video di TRENDS: il Dollaro USA ha i
Prima di occuparci delle banche tedesche, ma non solo, un piccolo preambolo su quello che è accaduto ieri a Wall Street mentre come ben sapete il