FOREX: la Bank of Japan sorprende il mercato e lo yen crolla

Scritto il alle 18:36 da Redazione Finanza.com

kuroda, boj, bank of japan, forex

I mercati valutari sono stati scossi da una grande sorpresa ovvero le decisioni della Bank of Japan in merito all’introduzione di nuovi stimoli monetari. Il Policy Board della Bank of Japan ha scelto, infatti, di aumentare gli acquisti di titoli governativi (sopratttutto JGBs japanese governement bonds ma anche ETF e titoli immobiliari) per un ammontare pari a 30 mila mld di yen (portando il totale del piano di quantitative easing annuale a 80 mila mld di yen).

La decisione non è stata unanime. Dei nove membri votanti della commissione operativa solamente 5 hanno votato a favore di tale scelta (voto decisivo del governatore Haruhiko Kuroda). La scelta di promuovere nuovi stimoli monetari è legata non tanto alla debolezza dell’economia ma ai timori di un forte aumento delle pressioni deflazionistiche.

La discesa della domanda interna (dopo l’aumento della tassa sui consumi) e il forte calo dei prezzi energetici potrebbero alimentare nel breve periodo la fuoriuscita dell’indice dei prezzi al consumo dal sentiero di stabilizzazione attorno alla quota del 2% (obiettivo di medio periodo).

Crediamo che la scelta della Bank of Japan sia molto rischiosa perché potrebbe non avere gli effetti desiderati soprattutto con gli indici di fiducia in continuo calo. Le altre banche centrali (FED e Bank of England) hanno deciso di lasciare la politica monetaria accomodante (tassi d’interesse su livelli molto bassi) ma hanno scelto di fermare l’iniezione di liquidità che aveva creato qualche squilibrio all’interno di alcuni settori (sopratttutto quello immobiliare).

La reazione dei mercati è stata immediata con l’indice azionario Nikkei in forte accelerazione rialzista (+4,8%) mentre la vauta nazionale, lo yen, in totale caduta sui mercati valutari. La divisa nipponica ha perso il 2,70% contro il dollaro statunitense, il 2,60% contro la sterlina, il 2,20% contro il dollaro australiano, il 2% contro il franco svizzero e l’1,90% contro l’euro.

USD/JPY

Il cambio tra il dollaro statunitense e lo yen giapponese ha segnato nuovi massimi degli ultimi 7 anni circa salendo fino a un top intraday a 112,48. Il superamento della resistenza a 110,66, picco dell’estate 2008, ha dato ulteriore forza al movimento rialzista che sembra aver messo nel mirino il prossimo obiettivo posizionato a 114,66, massimo di dicembre 2007 e minimo di dicembre 2006.

Sopra tale riferimento l’ascesa potrebbe prendere ancora più forza allungando anche verso i target ancora più ambisiozi situati a 118. Tali prospettive grafiche saranno confermate con una perentoria vittoria dei massimi intraday odierni (112,50) mentre incomincerebbero a vacillare con il cedimento di 107, 50% del ritracciamento di Fibonacci dell’ascesa dai bottom di inizio agosto.

Sotto 107 aumenterebbero notevolmente le possibilità di una fase discendente con target a 105,70 e 101,50 (supporto strategico anche in ottica di medio/lungo periodo).

Grafico Giornaliero DOLLARO STATUNITENSE/YEN

grafico dollaro Usa Yen giapponese, forex

 

FILIPPO A. DIODOVICH
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Il tantra dei gestori, negli ultimi mesi, è stato senza dubbio questo: diminuire la duration dei portafogli. C’è della logica, ci mancherebbe
Il Ftse Mib apre in lieve correzione dopo l'impulso rialzista di ieri ma resta sopra i supporti più importanti, a cominciare dalla ex resistenza in z
La cornucopia delle pensioni è approntata ma non si decide a elargire i suoi frutti. E’ un gran parlare di modifiche, riforme, soppressione di ques
Ma davvero c'era qualche ingenuo che credeva che le trattative tra gli Stati Uniti e la Cina per evitare una vera e propria guerra commerciale era
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
In questi giorni l’attenzione degli operatori è tutta concentrata sulla vicenda dei dazi doganali e del neo protezionismo indetto dal president
Quella tra USA e Cina è molto più di una guerra commerciale. In palio la leadership economica mondiale dei prossimi anni. Ma la demografia e la ro
Partenza in ampio gap rialzista per il Ftse Mib che, incassata la vittoria sulla precedente resistenza a 22.400 (ora supporto importante), è già all