Il mercato punta sul QE di Draghi: le Borse salgono, l’euro si deprezzamento e il rendimento dei BTP scivola ai minimi storici

Scritto il alle 18:32 da Redazione Finanza.com

mario draghi, bce, inflazione, europa, eurozona, deflazione, eurostat, borse.it

È stata una seduta in rialzo per gli indici europei alla vigilia della riunione della Bce. Il mercato sembra credere alla possibilità che domani pomeriggio Draghi possa tirare fuori dal cilindro un piano di acquisto asset, aventi ad oggetto titoli di Stato.

Il continuo peggioramento delle previsioni macroeconomiche in molti Paesi della zona euro, come sottolineato anche dagli indici PMI questa mattina, mostra che non c’è più tempo da perdere. Le pessime figure tedesche rilasciate questa settimana (PMI manifatturiero in contrazione e PMI servizi ai minimi degli ultimi 17 mesi) potrebbero smussare i toni di qualche falco all’interno del board della Bce, concedendo a Draghi la maggioranza necessaria per poter attuare nuove misure espansive.

In questo momento, la probabilità di un annuncio di QE nel meeting di domani è di poco superiore al 50%. In ogni caso, la divergenza di consensi tra gli operatori ci induce a pensare che assisteremo a dei forti movimenti su tutte le asset class (equity, bond e valute) comunque vada. Raccomandiamo pertanto cautela.

Intanto negli Usa, i listini  proseguono contrastati. I dati arrivati questo pomeriggio sono risultati in chiaro scuro. Le stime ADP, sebbene sia risultate di poco sotto le attese, non spostano le nostre attese di una crescita di posti di lavoro non agricoli a novembre intorno alle 230 mila unità.

Crediamo che molti operatori concentreranno l’attenzione sulla crescita dei salari, soprattutto dopo i dati deludenti emersi oggi sul costo del lavoro nel 3° trimestre (-1% t/t contro attese di -0,3%). È un elemento interessante questo più volte citato dalla Yellen come un termometro utile per misurare la salute del mercato del lavoro. Brillante il dato sull’indice ISM non manifatturiero di novembre, tornato ai massimi di agosto.

Forex: Dollaro statunitense senza freni
Vola il biglietto verde verso le principali valute mondiali in scia con il rialzo dei rendimenti sui Treasury. Lo yield sul decennale targato Usa è salito in area 2,30%, massimi da oltre 2 settimane. Gli acquisti sulla divisa Usa hanno fatto volare il Dollar Index ai nuovi massimi da marzo 2009, sopra area 89 punti. Il prossimo target rimane a 90 punti. La forza implicita del dollaro e una debolezza intrinseca della moneta unica (complice le aspettative sulla Bce) hanno fatto precipitare il cross Eur/Usd a 1,23, nuovi minimi da agosto 2012. Il supporto interessante per domani rimane a 1,2250 e poi a 1,22, ultimo baluardo in grado di difendere un crollo verso 1,20.

Italia: FCA regina del mercato,  target price 13 euro
È stata ancora una seduta ancora nel segno di FCA, miglior titolo del paniere principale, che ha aggiornato i massimi intraday che non vedeva dal lontano maggio del 2001, a un soffio dalla soglia di 11 euro. Gli investitori hanno continuato a premiare le brillanti cifre sulle immatricolazioni auto di Chrysler e quelle positive arrivate anche da Fiat in Europa. I rialzi potrebbero non essere terminati qui. Sul titolo abbiamo una view ancora rialzista con il target price collocato a 13 euro. Il pricing del bond convertendo, l’IPO di Ferrari e la partnership in Asia saranno i principali driver che guideranno il titolo ex Lingotto verso questo livello.

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , , , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Malgrado i venti di guerra, i mercati tengono bene le quotazioni, anzi, rimbalzano un po' anche se siamo ancora lontani dalle valutazioni di inizio
Dopo un anno di lavoro ci si può sentire già pronti per nuove sfide, facendo scattare il desiderio di un avanzamento professionale. Ma il dubbio
Ftse Mib: l'indice italiano ieri ha dato un segnale importante chiudendo e superando al rialzo il gap down lasciato aperto il 5 febbraio. Importante u
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono se
Il mercato del lavoro è sempre più affollato da lavoratori  con contratti a termine. I giovani, di cui si compone la maggioranza di questi, far
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo