Grecia, greggio e Cina penalizzano le borse, a Wall Street iniziano le scommesse sulla FED 

Scritto il alle 19:10 da Redazione Finanza.com

mercati azionari, grecia, cina, volatilita, sell off, petrolio, calo quotazioni, fed, politica monetaria, tassi, wall street, borse europeePrecipitano le principali borse europee, in una seduta che ha visto il riaffiorare dell’avversione al rischio sul mercato. Particolarmente brutte le chiusure di Milano (-2,8%) e Madrid (-3,2%). Sul sentiment degli investitori hanno pesato un mix di fattori, tra cui:

  1. Il ​continuo calo dei prezzi del greggio, che questa mattina ha aggiornato i nuovi minimi dal 2010 (WTI a 62,30 dollari e Brent a 65,30 dollari);
  2. i rinnovati ​dubbi sulla Grecia, in vista delle elezioni presidenziali del prossimo 17 dicembre. In caso di un mancato esito favorevole, dopo i 3 scrutini previsti, si potrebbe riaprire la crisi politica che potrebbe spingere il premier Samaras a un ritorno anticipato alle urne;
  3. un restringimento dei collaterali accettati dalla Banca centrale cinese (PBOC) nelle operazioni di finanziamento che potrebbe segnalare la mancanza di volontà dell’Istituto di voler allentare la propria politica monetaria.

Sul mercato abbiamo assistito a una tipica seduta di sell off, con i mercati più rischiosi che sono finiti sotto pressione, a fronte di evidenti segnali di flight to quality. Oggetto di acquisto sono stati i bond core, in particolare Bund e Treasury. Proprio gli acquisti sui titoli tedeschi ha​nno permesso al Bund a 10 anni di aggiornare i nuovi rendimenti ai minimi storici in area 0,68%, con conseguente allargamento dello spread Btp-Bund sopra area 130 punti base. Forti vendite hanno interessato i bond greci, con il rendimento sul decennale che si è portato sopra l’8% per la prima volta da una settimana, mentre quello russo ha lambito area 13%, nuovo massimo da oltre 5 anni.

Recupera terreno l’oro, che ha accelerato sopra area 1.230 dollari, nuovi massimi da quasi due mesi in scia alle tensioni sui mercati.

Negli Usa si prospetta la seconda seduta in calo dopo quella di ieri. I volumi sono decisamente sopra la media e l’umore tra gli operatori, a una settimana dal meeting della Fed, non sembra essere entusiasmante. L’indice VIX è tornato così a salire in maniera importante. Non possiamo escludere che, alla luce dei recenti dati macro brillanti, gli operatori temino un rialzo anticipato dei tassi di interesse.

Forex: Yen in forte recupero
Tra le valute, vola lo yen. La divisa nipponica, oggetto di forti vendite nelle scorse sedute, ha recuperato sensibilmente terreno per effetto della chiusura di molte operazioni di carry trade in scia all’avversione al rischio emersa nelle ultime ore. Questa tendenza potrebbe non durare a lungo. In vista delle elezioni politiche in Giappone di domenica prossima, è lecito attendersi un ritorno della debolezza sulla divisa giapponese, soprattutto se Abe dovesse ottenere una solida maggioranza. Il forte calo dei rendimenti sul Treasury ha smorzato gli acquisti sul biglietto verde, che ha perso terreno anche nei confronti della moneta unica.

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
3 commenti Commenta
atomictonto
Scritto il 9 dicembre 2014 at 22:16

Continuiamo a far finta che il problema principale non sia herr Weidmann.
Non sarebbe ora di dire che il succitato, ormai sbugiardato da tutti gli economisti, tutti gli analisti, tutte le persone normali, tutti i tecnici, tutti i dati, tutte le istituzioni finanziarie del mondo…altro non è che un nazista razzista che vuole evitare ai “puri” (…) Tedeschi di condividere il debito – occhio perchè qui è il punto lessicale – DIE SHULDE (sti barbari hanno una parola sola per dire due cose bendistinte…il DEBITO che è un fatto finanziario e trattabile e la COLPA che non è trattabile – con gli “inferiori” del sud Europa?
Ma vogliamo cominciare a dirlo che sto Weidmann, con tanto di pettinatura Hitleriana, è un nazista e razzista scellerato?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

atomictonto
Scritto il 9 dicembre 2014 at 22:35

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

bano
Scritto il 10 dicembre 2014 at 13:07

atomictonto@finanza,

eh si a volte è dura far cambiare idea ad uno che sta su una sedia a rotelle,,magari è per quello!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Articoli Recenti dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Ftse Mib: l'indice italiano apre oggi in gap up affrontando la resistenza psicologica importantissima dei 24.000 punti. Da verificare già in giornata
La sensazione è che l'Europa questa volta, dopo aver puntato su Macron, si è scelta il perfetto cavallo di Troia italiano, la statua di cera che
o ripeto da quando ho iniziato a scrivere su questo blog, nel lontano 2006. A comandare in borsa alla fine sono sempre loro, gli utili aziendali. Cont
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
PREVISIONE Come vediamo dal grafico mercoledì 17 gennaio dovremmo avere fatto il massimo del Mensile (1,23234), il terzo di questo Trime
Dopo una fase tentennante, il report del CFTC accetta la forza delle riforme di Donald Trump e libera ulteriore forza a favore del trend. Analisi de
Inutile che vado a spiegarvi cosa è il Big Mac Index. Per avere ulteriori informazioni sul Big Mac Index, potete cliccare QUI e avrete un sacco