Le Borse europee attendono l’incontro Schaeuble-Varoufakis, il petrolio ripiega mentre cresce l’attesa per i Nonfarm Payrolls Usa

Scritto il alle 18:37 da Redazione Finanza.com
Schaeuble, Varoufakis, incontro Schaeuble Varoufakis, borse europee, mercati finanziari, grecia, rinegoziazione debito, incontro draghi, mario draghi, bce, petrolio, calo petrolio, dati macro usa, nonfarm payrolls

Seduta debole per i listini europei che hanno terminato con cali piuttosto contenuti dopo i rialzi di ieri. La mancanza di prese di profitto massicce sui listini europei mostra come il sentiment di fondo degli operatori rimanga costruttivo grazie all’annuncio del QE della BCE. Ogni qual volta che le vendite tendono ad accentuarsi sul mercato reagisce prontamente con un ritorno degli acquisti. Molti listini della periferia della zona euro rimangono ancora pesantemente sottovalutati e ci sono ampi margini di recupero nel medio periodo (1° semestre del 2015).

GRECIA
Il tema Grecia continua a rimanere sotto stretta osservazione da parte degli investitori. Oggi Il premier, Alexis Tsipras, si è detto “molto ottimista” sulla possibilità che un accordo venga raggiunto, a latere dell’incontro con il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker.

Intanto a Francoforte, il ministro delle Finanze, Yanis Varoufakis, ha incontrato il numero uno della Bce, Mario Draghi, per parlare del possibile swap sul debito. Probabilmente, gli spunti più interessanti li avremo domani, quando Varoufakis si confronterà con Schaeuble.

L’eventuale diffidenza tedesca nei confronti del piano proposto dalla Grecia potrebbe riportare qualche incertezza sul mercato, mentre un’eventuale via libera potrebbe mettere il turbo ai mercati.

Intanto Atene oggi è andata al test del mercato con un’asta di titoli a 6 mesi per un importo di poco superiore agli 800 milioni di euro. Il tasso di interesse è stato del 2,75%, in rialzo rispetto a un mese fa (2,30%). Nonostante il rendimento in rialzo, la domanda ha sofferto in modo particolare, segnale che il mercato mostra ancora una certa diffidenza, anche nel brevissimo termine.

PREVIEW NON FARM PAYROLLS
Gli operatori statunitensi intanto aspettano i dati sui non farm payrolls di gennaio, in agenda il prossimo venerdì. Le attese (ora a +230 mila nuovi posti di lavoro) si sono ridimensionate un po’ dopo i dati di oggi sulle stime ADP, che hanno mostrato la crescita più debole da settembre scorso (+213 mila nuovi posti). Anche l’ISM non manifatturiero ha contribuito ad alimentare dubbi in tal senso.

Sebbene le figure di gennaio abbiano mostrato una crescita inattesa, la sottovoce del mercato del lavoro è scesa in maniera importante, arrivando ai minimi da quasi un anno, al ridosso della soglia dei 50 punti.

Importanti saranno le nuove richieste di sussidi settimanali di disoccupazione che, se dovessero confermare i valori bassi della scorsa settimana, potrebbero riportare un cauto ottimismo. Al di là dei singoli numeri, sarà interessante notare se la crescita dei salari continua a rallentare o meno, dopo il brutto dato di dicembre.

PETROLIO
Piovono le prese di profitto sul petrolio, soprattutto dopo che l’EIA (Energy Information Administration) ha fatto sapere che la scorsa settimana le scorte di greggio sono salite di oltre 6,3 milioni di barili.

Le scorte complessive hanno raggiunto così un nuovo record degli ultimi 80 anni, arrivando a 413,1 milioni di barili. L’eccesso di offerta non può essere spiegato solo dagli alti livelli di produzione dovuti allo shale oil. Anche una domanda particolarmente debole, contribuisce a creare squilibrio al mercato del greggio.

Proprio oggi la stessa EIA ha fatto sapere che i consumi di energia da parte del settore pubblico statunitense (il più grande consumatore al mondo di petrolio) è sceso nel 2013 ai minimi dal 1975, anno di inizio raccolta dati. Il Brent si è così portato in area 56 dollari dopo aver approcciato ieri ai 59 dollari/barile.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Le Borse europee attendono l'incontro Schaeuble-Varoufakis, il petrolio ripiega mentre cresce l'attesa per i Nonfarm Payrolls Usa, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: , , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Stoxx Giornaliero Buonasera, situazione ciclica invariata per lo Stoxx. Ho lasciato ancora segnate sul grafico le ipotesi possibili che rigu
DJI Giornaliero Buongiorno e ben ritrovati con il nostro appuntamento mensile sul Dow Jones. Diverse le novità cicliche che marzo ha portat
Mercati colpiti duramente dallo scandalo della privacy sui social network. Ma non dimentichiamo il neo protezionismo e la guerra diplomatica contro
Oggi vorrei parlare di numeri e criptovalute, sia per fare una breve riflessione su quello che sta succedendo in queste ultime settimane, sia per
Il Fondo Monetario Internazionale bacchetta l’Italia perché la spesa pensionistica è troppo alta a scapito di quella assistenziale che viceversa
Sempre più spesso nelle strade italiane si vedono circolare auto con targhe straniere (Romania, Bulgaria e Svizzera sono le più diffuse). Turismo in
Nella nuova sezione del blog ABBONAMENTO VIEW GIORNALIERA EURO DOLLARO, descrivo in dettaglio le caratteristiche di questo nuovo servizi
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono sempli