Grande attesa per l’esito dei due meeting a Bruxelles e Minsk

Scritto il alle 19:36 da Redazione Finanza.com

grecia, eurogruppo, Dijsselbloem, presidente Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, alexis tzipras, Yanis Varoufakis, ministro delle Finanze greco, atene, borse, borse europee, meeting bruxelles

Mercati azionari europei in leggero calo. Crediamo che gli investitori stiano aspettando l’esito dei due importanti meeting nel Vecchio Continente. Nel meeting di Minsk in Bielorussia i capi di stato di Germania, Francia, Russia e Ucraina cercheranno di trovare un accordo di pace che possa soddisfare entrambe le parti. L’UE e gli Stati Uniti hanno già preparato ulteriori sanzioni economiche per Mosca in caso di fallimento delle trattative.

La Russia si trova ora a decidere se rinunciare alle proprie mire espansionistiche a occidente o allentare le tensioni sull’economia. Il forte crollo dei prezzi del petrolio ha già messo in ginocchio il sistema economico russo con la valuta domestica che si è deprezzata negli ultimi tre mesi del 60% contro il dollaro.

La stessa banca centrale russa deve risolvere il proprio trade-off, scegliere la via del rialzo dei tassi d’interesse per contenere la forte inflazione (15%) portar avanti strategie monetarie accomodanti per rilanciare le attività economiche. Ulteriori sanzioni potrebbero dare il colpo di grazia a un’economia in forte difficoltà.

A Bruxelles le principali autorità finanziarie della Zona Euro esamineranno con particolar attenzione le proposte promosse dalla Grecia. Riteniamo che le due parti (Grecia/paesi creditori EZ) riusciranno a trovare un compromesso, tenendo conto che entrambe avrebbero molto da perdere in caso di mancato accordo.

L’eventuale default e uscita della Grecia dalla Zona Euro avrebbe, infatti, ripercussioni pesantemente negative per i paesi di Eurolandia non solamente a livello economico (rischio contagio, forti vendite sui mercati azionari, turbolenze sulle piazze obbligazionarie) ma anche a livello politico (possibile avvicinamento del paese ellenico a Russia e Cina).

E la stessa Grecia sarebbe scossa da un terremoto finanziario senza precedenti se dovesse abbandonare l’euro per tornare alla dracma. Valutiamo che una soluzione (probabilmente temporanea) sarà presa nel meeting dell’Eurogruppo di lunedì 16 febbraio quando le autorità finanziarie del Vecchio Continente avranno esaminato con cautela le proposte del duo Tsipras-Varoufakis.

Lunedì prossimo riteniamo probabile l’estensione del piano di aiuti per 6 mesi con condizioni meno stringenti per la Grecia. Crediamo che sia molto difficile che venga accettato il menu swap di Varoufakis soprattutto nella parte che prevede lo scambio dei titoli di stato in possesso della BCE con obbligazioni perpetue del paese ellenico.

Delusione Unicredit
Dopo i brillanti conti di Intesa Sanpaolo di ieri in molti si aspettavano un buon risultato anche da parte dell’altra big Unicredit. Invece le cifre del gruppo hanno deluso il mercato. Crediamo che lo scontento maggiore sia in termini di common equity ratio e ricavi. Il CET1 ratio è diminuito di quasi 40 bp dal 10,81% di settembre al 10,40%, superiore ai livelli previsti dal piano industriale ma inferiore rispetto ai livelli attesi dagli operatori. Gran parte della discesa è dipesa dalla crisi Ucraina-Russia e alla forte svalutazione del rublo.

intesa sanpaolo, unicredit, conti, risultati bilancio, trimestrali, effetto rublo, delusione analisti, crisi ucraina, mosca, piazza affari, andamento titolo

FILIPPO A. DIODOVICH
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Il fondo immobiliare Vegagest è il primo prodotto finanziario che una società di gestione sospende nel giorno stesso in cui era previsto il rimbor
Il fondo immobiliare Vegagest è il primo prodotto finanziario che una società di gestione sospende nel giorno stesso in cui era previsto il rimbor
Il fondo immobiliare Vegagest è il primo prodotto finanziario che una società di gestione sospende nel giorno stesso in cui era previsto il rimbor
La situazione si complica. Da una parte i dazi ed il neo protezionismo che la fanno da padrone. Alle mosse di USA, risponde la Cina con le dovute
DISCLAIMER – Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono s
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Stoxx Giornaliero Buonasera, situazione ciclica invariata per lo Stoxx. Ho lasciato ancora segnate sul grafico le ipotesi possibili che rigu
DJI Giornaliero Buongiorno e ben ritrovati con il nostro appuntamento mensile sul Dow Jones. Diverse le novità cicliche che marzo ha portat