Portare civette ad Atene non salverà la Grecia

Scritto il alle 17:50 da Redazione Finanza.com

grecia, eurogruppo, atene, saxo bank, gian paolo bazzani, euro, europa, eurozona, Yanis Varoufakis, ministro finanze, bce, ecb, qe, politica monetaria,

Giocando per una volta con la teoria del complotto, avevo dichiarato che la ormai famigerata lettera di intenti presentata dalla Grecia all’Eurogruppo era stata scritta sotto la dettatura della BCE. Una provocazione, ovviamente. A dire il vero, a leggere le reazioni delle istituzioni a quello che invece doveva essere il dettagliato piano di riforme – di fatto l’applicazione di quanto presentato nella lettera di cui sopra – non sembra più solo una provocazione. Quando è venuto il momento di fare i compiti a casa, e quindi a pensare in modo autonomo, pare proprio che la Grecia sia stata tutt’altro che diligente.

Lunedì il presidente dall’Eurogruppo, secondo quanto riportato da Bloomberg, ha definito il piano di riforme come incompleto e che la cui attuazione richiederà comunque “tempi lunghi”. La stampa internazionale parla di un piano approssimativo e pieno di provvedimenti folcloristici: dall’utilizzo di studenti come spie per combattere l’evasione fiscale fino a lotterie cui partecipare con gli scontrini fiscali. Incalzato a rispondere alle critiche, il ministro delle finanze Yanis Varoufakis ha dichiarato di aver presentato un primo elenco di sette riforme, volutamente incompleto, e che altre ne seguiranno. Mancava solo che dicesse che i compiti li aveva fatti ma il gatto li ha mangiati.

A questo punto, la posizione greca da difficilmente sostenibile passa a pieno titolo allo status d’incomprensibile. Perché presentare un piano così raffazzonato? Un esercizio inutile, come portare “civette ad Atene” per dirla con il commediografo Aristofane, con punte di ridicolo se non ci trovassimo così vicini alla tragedia.

Provo a darmi una spiegazione e a tracciare le conseguenze:

– si tratta di una provocazione del governo greco, un maldestro tentativo di prendere tempo – che non c’è – e spostare l’insoddisfazione popolare verso le istituzioni creditrici. In questo senso si può leggere l’avvio della polemica con la Germania per il risarcimento dei danni di guerra, richiesta che peraltro non è del tutto illegittima

– la Grecia ha perso quella poca credibilità che godeva da parte delle istituzioni internazionali, soprattutto riconosciuta nei confronti del ministro Varoufakis e del suo curriculum di docente universitario

– Commissione Europea ed Eurogruppo affermano non ci sarà alcun ulteriore aiuto alla Grecia fino a che il piano di riforme non sarà approvato e ne sarà avviata l’applicazione

– la BCE conferma che ricomincerà ad accettare bond greci in garanzia solo quando saranno rispettati gli impegni presi nel piano concordato con i creditori

– il governo ha perso gran parte del consenso interno figlio di una campagna assolutamente populista che ora è impossibilitato a perseguire

– si parla di un referendum in Grecia chiesto dalle componenti più radicali ma che a dire del governo non sarebbe sulla permanenza o meno nell’euro ma piuttosto sulle misure da adottare per uscire dalla crisi

– la rabbia e la disperazione della popolazione evocano brutti scenari, dall’ascesa di Alba Dorata in caso di dimissioni “forzate” dell’attuale governo fino a ipotesi di insurrezione. Meno di cinquant’anni fa, un colpo di stato portò alla dittatura dei Colonnelli e ce ne vollero sette per vedere la nascita della Repubblica Ellenica e il ritorno alla democrazia.

A questo punto, ed è qui che forse il governo greco intendeva arrivare, non si tratta di economia ma di evitare la guerra civile. Senza aiuti nel breve termine, il governo deve gestire questo mese la restituzione di 1,5 miliardi di euro al FMI e rifinanziare parte dei 3,2 miliardi di euro di bond in scadenza, rischiamo di vedere la Grecia in fiamme. Il default pilotato e l’uscita dall’euro suggeriti da qualche settimana rimangono la mia unica proposta.

E i mercati? L’azionario europeo, quello americano ieri ha azzerato tutta la crescita del 2015, si muove in modo quasi euforico mentre quello dei bond, da sempre dai costumi più castigati, è più scettico sulla soluzione della crisi greca. Il tasso a tre mesi è salito a 2,7%, in crescita di venti punti base dall’ultima asta e la curva dei rendimenti greci mantiene una conformazione ad alto rischio con i tassi più alti sulle scadenze 3-5 anni rispetto alle scadenze di 10 anni e oltre. Il mercato obbligazionario sembra quindi scontare un evento drammatico entro 2/3 anni.

Gian Paolo Bazzani
Ad Saxo Bank Italia

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 3.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Portare civette ad Atene non salverà la Grecia, 3.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: , , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Malgrado i venti di guerra, i mercati tengono bene le quotazioni, anzi, rimbalzano un po' anche se siamo ancora lontani dalle valutazioni di inizio
Dopo un anno di lavoro ci si può sentire già pronti per nuove sfide, facendo scattare il desiderio di un avanzamento professionale. Ma il dubbio
Ftse Mib: l'indice italiano ieri ha dato un segnale importante chiudendo e superando al rialzo il gap down lasciato aperto il 5 febbraio. Importante u
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono se
Il mercato del lavoro è sempre più affollato da lavoratori  con contratti a termine. I giovani, di cui si compone la maggioranza di questi, far
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo
Il Ftse Mib parte poco mosso ma per evitare di scivolare come ieri nella seconda parte della seduta prova a consolidare in zona 23.000. In ogni caso