BCE: finanziamenti agli emittenti corporate per i prossimi 30 anni

Scritto il alle 12:10 da Redazione Finanza.com

bce, mario draghi, acquisti, qe, quantitative easing, banca centrale europea, acquisto corporate bond, corporate bond, obbligazioni, 2016, saxo bank

Dopo l’annuncio a sorpresa che ha seguito la riunione di marzo della BCE, la conferenza stampa di Draghi della scorsa settimana è suonata quasi scontata per la maggior parte degli investitori. Tuttavia, qualche dettaglio è riuscito comunque a smuovere i mercati del debito societario dell’Eurozona, come le indicazioni sulle modalità di acquisto di questa tipologia di titoli.

In particolare, Mario Draghi ha annunciato che il programma di acquisti includerà le obbligazioni societarie con scadenza fino a 30 anni, potendone assorbire fino al 70% per emissione. Inoltre, il confine dei titoli “non bancari” è piuttosto ampio, permettendo ad esempio l’inclusione delle compagnie di assicurazione.

Di conseguenza, una società con rating Investment Grade (o meglio, tutto ciò che le serve è un braccio finanziario Investment Grade sul territorio europeo), ha diritto a ricevere finanziamenti in Euro freschi di stampa, con un orizzonte temporale di 30 anni, e quasi a costo zero (tenendo conto dell’inflazione di lungo termine).

Sarebbe in effetti interessante capire se assisteremo ad un improvviso picco di nuove emissioni obbligazionarie a 30 anni, dovuto ai tentativi da parte dagli emittenti di assicurarsi fonti di finanziamento per qualche decennio – analogamente a quanto recentemente fatto dai governi di Francia e Italia – per sfruttare l’enorme sete dovuta alla domanda generata della banca centrale.

Tra i beneficiari più singolari è la svizzera Glencore, che soltanto qualche mese fa è stata etichettata come nuova Lehman e inevitabile catalizzatore della prossima imminente crisi finanziaria (ricordate?).

Sebbene sia stata scambiata su livelli sostanzialmente da “debito spazzatura”, il rating del titolo non è stato mai formalmente declassato al di sotto della soglia Investment Grade, il meraviglioso ritardo di adeguamento dei rating.

Buona parte del suo debito, emesso tramite un braccio finanziario lussemburghese, è stato improvvisamente inserito dagli analisti all’interno del “basket-BCE”. I prezzi delle obbligazioni sono schizzati alle stelle, con positivi effetti collaterali anche sugli altri titoli Glencore.

Michael Boye
Fixed Income trader di Saxo Bank

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
PREVISIONE Come vediamo dal grafico mercoledì 17 gennaio dovremmo avere fatto il massimo del Mensile (1,23234), il terzo di questo Trime
Dopo una fase tentennante, il report del CFTC accetta la forza delle riforme di Donald Trump e libera ulteriore forza a favore del trend. Analisi de
Inutile che vado a spiegarvi cosa è il Big Mac Index. Per avere ulteriori informazioni sul Big Mac Index, potete cliccare QUI e avrete un sacco
L'azienda resa famosa dalle schedine del Totocalcio gioca la carta FinTech, per anticipare i cambiamenti in atto nel settore dei pagamenti cashless. E
Ftse Mib: apre allineato alla chiusura di venerdì l'indice tricolore, dopo l'arresto della scorsa settimana sulla resistenza collocata in area 23.860
Guest post: Trading Room #271. Ormai siamo a un passo dalla resistenza granitica posta in area 24000. E ora viene il bello... Intanto occhio a BPER
ll Consiglio dei ministri ha finalmente approvato l'intesa sul rinnovo del contratto degli statali del 23 dicembre scorso tra sindacati e Aran, l'Agen