Petrolio e rimbalzo del rublo: non è tutto oro quello che luccica. E la Banca Centrale Russa potrebbe tagliare i tassi

Scritto il alle 12:33 da Redazione Finanza.com

rublo, petrolio, quotazioni, outlook, banca centrale russa, politica monetaria, materie prime, commodity, mercato valutario, forex, swissquote

Dai minimi toccati a gennaio (quando occorrevano 82 rubli per comperare un singolo dollaro) alle quotazioni di questi giorni (65), il rublo potrebbe non avere esaurito la sua corsa al rialzo dovuta principalmente al rimbalzo dei prezzi del petrolio.

Infatti le previsioni per lo scenario energetico russo risultano in miglioramento nonostante l’attuale surplus di produzione, poiché le aspettative di una maggiore domanda di petrolio per gli anni a venire costituiscono uno dei driver principali del movimento verso l’alto dell’oro nero. Ma non è tutto oro quello che luccica.

Infatti, crediamo che il rapido riapprezzamento della moneta russa possa costituire un problema nel medio termine per le stesse esportazioni di petrolio, che verrebbero inevitabilmente danneggiate da un cambio in salita.

Di conseguenza oggi la Banca Centrale Russa potrebbe provare ad indebolire la moneta abbassando il tasso di interesse al 10,50% poiché riteniamo che gli attuali livelli del rublo possano rappresentare un’opportunità per normalizzare la politica monetaria. Gli effetti indesiderati sull’inflazione (sopra il 7%) verrebbero infatti controbilanciati dal rafforzamento dei prezzi sia del rublo che del petrolio.

Ovviamente, mantenere un tasso di riferimento a doppia cifra non semplifica la vita ai banchieri e ai policy maker di Mosca e gli investimenti a lungo termine sono quelli che si ritrovano a risentirne maggiormente poiché il premio richiesto per mantenere la redditività di un investimento risulta molto elevato.

Confermiamo la nostra visione rialzista sul rublo (entro tre mesi crediamo che il cambio USDRUB possa tornare a 60) anche a seguito dell’atteggiamento di moderazione mostrato dalla Fed, che mette in evidenza tutte le difficoltà attuali dell’economia americana.

Yann Quelenn
analista Swissquote

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 2.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Petrolio e rimbalzo del rublo: non è tutto oro quello che luccica. E la Banca Centrale Russa potrebbe tagliare i tassi, 2.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
Sembrava una settimana piatta e forse persin noiosa. In realtà è stata ricchissima di spunti che spesso l'occhio del trader non ha colto. Ma l'i
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora sembra rispettato con buona precisione. Dovrebbe es
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Intersemestrale formato da due Intermestrali in corrispo
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si nota il Battleplan del ciclo Biennale che è abbast
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà de
Giusto per comprendere come funziona il più Europa, dopo le recenti dichiarazioni Moscovici... Moscovici: "Voto italiano un rischio politico per
Ftse Mib: dopo la corsa di oltre il 7% avviata il 4 gennaio, il listino italiano sembra prendere una pausa in area 23.600 punti. Il movimento al rialz