Stati Uniti: con 160mila nuovi posti i Nonfarm Payrolls di aprile deludono le attese ma ma la crescita salariale è buona

Scritto il alle 14:39 da Redazione Finanza.com

nonfarm payrolls, stati uniti, usa, mercato del lavoro, tasso disoccupazione, 2016, aprile, nuovi occupati, salari
L’US Bureau of Labor Statistics (BLS) ha comunicato che, nel mese di aprile, sono stati creati, nei settori non agricoli, 160 mila nuovi posti di lavoro, dato ben inferiore alle aspettative del consensus (+200mila). Il tasso di disoccupazione si è attestato al 5% e il tasso di partecipazione al lavoro ha registrato un lieve ribasso al 62,8% dal 63,0%.

Riviste al ribasso le cifre dei mesi precedenti (-19 mila posti di lavoro rispetto alle stime precedenti). Il dato di febbraio è stato rivisto al ribasso a +233mila (da +245mila), quello di marzo a +208mila (da +215mila).

Negli ultimi 3 mesi la media mensile di creazione dei posti di lavoro è pari a +200mila, solamente due mesi fa tale media era pari a +228mila. I dati evidenziano un rallentamento significativo della crescita del fronte occupazionale statunitense.

Il tasso di disoccupazione giovanile si attesta al 16,0%, disoccupazione donne (4,5%), uomini (4,6%), afroamericani (8,8%), asiatici (3,8%), ispanici (6,1%, in forte aumento). Unica cifra positiva è stata la crescita dei salari su base annuale in crescita del 2,5%. Le aspettative erano inferiori (+2,4% a/a).

Valutazione
Dato deludente sulla creazione di posti di lavoro. All’uscita del dato boom di vendite sul dollaro con il cambio eurodollaro passato nel primo minuto post pubblicazione dei dati da 1,1440 a 1,1470 circa. L’apprezzamento della coppia valutaria è comunque rientrato 30 minuti post dato.

Crediamo che il mercato avesse già scontato dei dati deboli (dopo le cifre macro negative dei giorni scorsi e la deludente stima ADP di mercoledì) e per tale ragione la reazione dei mercati non è stata particolarmente importante.

Anche per quanto riguarda le prossime mosse della Federal Reserve non modifichiamo le nostre aspettative. Ci aspettiamo un unico rialzo dei tassi d’interesse nell’ultimo meeting del 2016 (21 dicembre).

FILIPPO A. DIODOVICH
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Il tantra dei gestori, negli ultimi mesi, è stato senza dubbio questo: diminuire la duration dei portafogli. C’è della logica, ci mancherebbe
Il Ftse Mib apre in lieve correzione dopo l'impulso rialzista di ieri ma resta sopra i supporti più importanti, a cominciare dalla ex resistenza in z
La cornucopia delle pensioni è approntata ma non si decide a elargire i suoi frutti. E’ un gran parlare di modifiche, riforme, soppressione di ques
Ma davvero c'era qualche ingenuo che credeva che le trattative tra gli Stati Uniti e la Cina per evitare una vera e propria guerra commerciale era
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
In questi giorni l’attenzione degli operatori è tutta concentrata sulla vicenda dei dazi doganali e del neo protezionismo indetto dal president
Quella tra USA e Cina è molto più di una guerra commerciale. In palio la leadership economica mondiale dei prossimi anni. Ma la demografia e la ro
Partenza in ampio gap rialzista per il Ftse Mib che, incassata la vittoria sulla precedente resistenza a 22.400 (ora supporto importante), è già all