Elezioni americane: perché Wall Street sta con Hillary Clinton

Scritto il alle 13:12 da Redazione Finanza.com

elezioni americane, hillary clinton, donald trump, wall street, vittoria, 2016, elezioni usa, ricadute, effetti, mercato, mercato azionario, azioni

Chi sarebbe la miglior scelta per gli investitori statunitensi: la democratica Hillary Clinton o la sua controparte repubblicana, Donald Trump? Come si comporterebbe lo Standard&Poor’s 500 sotto una presidenza Trump? Quale sarebbe invece il suo andamento in caso di una Clinton presidente?

Sono queste le domande che ci siamo posti. Per rispondere non abbiamo analizzato nel dettaglio i programmi di politica economica dei candidati, in quanto saranno facilmente oggetto di una significativa modifica durante le convention di partito di questa estate.

Per esempio, se Donald Trump verrà scelto come candidato repubblicano, è molto probabile che si troverà costretto ad ammorbidire la propria retorica protezionistica in termini di commercio internazionale.

Di conseguenza, abbiamo scelto la strada dell’analisi storica della media delle variazioni di prezzo dell’S&P 500 durante i mandati presidenziali tra il 1930 e il 2015. Il risultato è chiaro: storicamente, un presidente democratico è più favorevole per lo S&P 500 rispetto a uno repubblicano.

In media, l’indice aumenterebbe dell’11,38 % durante il primo anno di mandato presidenziale in caso di leader democratico, mentre calerebbe dell’1,27 % sotto un presidente repubblicano.

Alla conclusione del mandato, inoltre, la differenza sembrerebbe altrettanto sorprendente… Tuttavia, questa analisi non tiene conto di tutta una serie di altri fattori che influenzano i movimenti dell’indice, come la politica monetaria, l’appartenenza politica del Congresso, l’andamento atteso della crescita economica o, addirittura, la correlazione positiva con altri asset (come il petrolio).

Inoltre, pur non trattandosi assolutamente di un indicatore delle performance future, corrobora una diagnosi in gran parte condivisa all’interno della comunità economica: la Clinton farebbe molto meglio a Wall Street rispetto ad un Trump presidente.

Christopher Dembik
Economist Saxo Bank

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 1.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 2 votes)
Elezioni americane: perché Wall Street sta con Hillary Clinton, 1.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup
PREVISIONE Come vediamo dal grafico mercoledì 17 gennaio dovremmo avere fatto il massimo del Mensile (1,23234), il terzo di questo Trime
Dopo una fase tentennante, il report del CFTC accetta la forza delle riforme di Donald Trump e libera ulteriore forza a favore del trend. Analisi de
Inutile che vado a spiegarvi cosa è il Big Mac Index. Per avere ulteriori informazioni sul Big Mac Index, potete cliccare QUI e avrete un sacco
L'azienda resa famosa dalle schedine del Totocalcio gioca la carta FinTech, per anticipare i cambiamenti in atto nel settore dei pagamenti cashless. E
Ftse Mib: apre allineato alla chiusura di venerdì l'indice tricolore, dopo l'arresto della scorsa settimana sulla resistenza collocata in area 23.860
Guest post: Trading Room #271. Ormai siamo a un passo dalla resistenza granitica posta in area 24000. E ora viene il bello... Intanto occhio a BPER
ll Consiglio dei ministri ha finalmente approvato l'intesa sul rinnovo del contratto degli statali del 23 dicembre scorso tra sindacati e Aran, l'Agen