Cerca nel Blog

Stati Uniti: il tasso di disoccupazione è ai minimi dal 2007 ma a deludere è la non crescita dei salari

Scritto il alle 16:36 da Redazione Finanza.com

elezioni usa, donald trump, mercati, materie prime, commodity, quotazioni, effetti, outlook, 2016, prezzi, oro, petrolio

L’US Bureau of Labor Statistics (BLS) ha comunicato che, nel mese di novembre, sono stati creati, nei settori non agricoli, 178 mila nuovi posti di lavoro, dato lievemente inferiore alle aspettative del consensus (+180k).

Il tasso di disoccupazione è sceso al 4,6% dal 4,9% (nuovi minimi dal 2007). Riviste le cifre dei mesi precedenti (-2 mila posti di lavoro rispetto alle stime precedenti). Il dato di settembre è stato rivisto al rialzo a +208k (da +191k), quello di ottobre al ribasso a +142k (da +161k).

Il tasso di disoccupazione giovanile si attesta al 15,2%, disoccupazione donne (4,2%), bianchi (4,2%), afroamericani (8,1%), asiatici (3,0%), ispanici (5,7%). Deludente è stata invece la (non) crescita dei salari. Su base mensile i salari sono scesi dello 0,1% (consensus +0,2%), su base annuale sono saliti del 2,5% (aspettative +2,8%).

Valutazione
Cifre contrastate sul mondo del lavoro. Ha deluso molto la debole crescita dei salari tuttavia compensata dal forte calo del tasso di disoccupazione.

Riteniamo che le cifre macro non possano modificare in modo particolarmente significativo le probabilità di un rialzo dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve nel prossimo meeting di dicembre. Ormai il mercato sconta con una probabilità superiore al 90% che la Yellen possa incrementare il costo del denaro di 25 punti base nelle prossime settimane.

L’amministrazione di Barack Obama si conclude con un tasso di disoccupazione ritornato ai livelli pre crisi finanziaria, confermando che la politica monetaria ha avuto un ottimo successo sulla stabilizzazione del mondo del lavoro ma non sul piano della crescita delle attività economiche. Dal 2017 toccherà alle politiche fiscali ultraspansive di Trump il compito di rilanciare la crescita economica.

Dopo il meeting dell’OPEC e i dati sul mondo del lavoro americano tutta la comunità finanziaria si concentrerà ora a seguire l’esito del referendum costituzionale italiano. Anche per il cambio eurodollaro potremmo assistere a importanti variazioni. Ci aspettiamo un forte ribasso del cambio in caso di vittoria dei NO (calo ancora più forte nel caso in cui Hofer vincesse le presidenziali austriache).

FILIPPO A. DIODOVICH
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Il dato più importante della settimana è stato quello sul PIL USA, un dato molto atteso perchè poteva dare un forte segnale di inversione di te
Che la Cina potesse subire anche la “scure” delle agenzie di Rating non è che sia una cosa che dovrebbe stupire più di tanto. Stupisce di ce
Settimana in diminuendo per il FTSE Mib. Questa mattina l'indice italiano ha aperto sotto i supporti a 21.250 punti, generando un altro segnale di deb
Nella teoria dell’analisi intermarket tradizionale, il ruolo del rame non è sicuramente di second’ordine. Il rame rappresenta la commodity ch
L’ho scritto anche nel mio libro, giusto per non dimenticare, ecco alcuni passi tratti da ” Un mondo di bolle ” di Edward Chancellor, studio
Le reazioni che si possono riscontrare sui mercati finanziari, a volte sorprendono e non poco anche gli operatori più"navigati": Quanto è avven
Nel pubblico impiego le adesioni alla previdenza complementare procedono lentissimamente, sia per una diffidenza innata, sia perché in ogni ente, ist
Sul mercato SeDeX di Borsa Italiana oggi sono arrivati 132 nuovi Covered Warrant targati Banca IMI. L’investment bank del gruppo Intesa Sanpaolo