Stati Uniti: il tasso di disoccupazione è ai minimi dal 2007 ma a deludere è la non crescita dei salari

Scritto il alle 16:36 da Redazione Finanza.com

elezioni usa, donald trump, mercati, materie prime, commodity, quotazioni, effetti, outlook, 2016, prezzi, oro, petrolio

L’US Bureau of Labor Statistics (BLS) ha comunicato che, nel mese di novembre, sono stati creati, nei settori non agricoli, 178 mila nuovi posti di lavoro, dato lievemente inferiore alle aspettative del consensus (+180k).

Il tasso di disoccupazione è sceso al 4,6% dal 4,9% (nuovi minimi dal 2007). Riviste le cifre dei mesi precedenti (-2 mila posti di lavoro rispetto alle stime precedenti). Il dato di settembre è stato rivisto al rialzo a +208k (da +191k), quello di ottobre al ribasso a +142k (da +161k).

Il tasso di disoccupazione giovanile si attesta al 15,2%, disoccupazione donne (4,2%), bianchi (4,2%), afroamericani (8,1%), asiatici (3,0%), ispanici (5,7%). Deludente è stata invece la (non) crescita dei salari. Su base mensile i salari sono scesi dello 0,1% (consensus +0,2%), su base annuale sono saliti del 2,5% (aspettative +2,8%).

Valutazione
Cifre contrastate sul mondo del lavoro. Ha deluso molto la debole crescita dei salari tuttavia compensata dal forte calo del tasso di disoccupazione.

Riteniamo che le cifre macro non possano modificare in modo particolarmente significativo le probabilità di un rialzo dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve nel prossimo meeting di dicembre. Ormai il mercato sconta con una probabilità superiore al 90% che la Yellen possa incrementare il costo del denaro di 25 punti base nelle prossime settimane.

L’amministrazione di Barack Obama si conclude con un tasso di disoccupazione ritornato ai livelli pre crisi finanziaria, confermando che la politica monetaria ha avuto un ottimo successo sulla stabilizzazione del mondo del lavoro ma non sul piano della crescita delle attività economiche. Dal 2017 toccherà alle politiche fiscali ultraspansive di Trump il compito di rilanciare la crescita economica.

Dopo il meeting dell’OPEC e i dati sul mondo del lavoro americano tutta la comunità finanziaria si concentrerà ora a seguire l’esito del referendum costituzionale italiano. Anche per il cambio eurodollaro potremmo assistere a importanti variazioni. Ci aspettiamo un forte ribasso del cambio in caso di vittoria dei NO (calo ancora più forte nel caso in cui Hofer vincesse le presidenziali austriache).

FILIPPO A. DIODOVICH
Market Strategist IG

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli Recenti dal Network
Come già detto ieri lasciamo da parte la fantasia e concentriamoci su quello che farà la giuria del concorso di bellezza nei prossimi mesi, la F
FTSE Mib: Il listino italiano testa in apertura la resistenza a 22.261 punti. Ieri infatti, dopo 9 sedute chiuse in rosso a partire dal massimo rag
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2017 Setup Mensile:
Prelievi senza carta, pagamenti tramite app e bonifici istantanei. Sono solo alcune delle evoluzioni nel panorama dei pagamenti, divenuto sempre più
Malgrado la sua giovane età, il BitCoin si è già reso protagonista di diverse avventure. È passato da essere considerato un oggetto misterioso
PREVISIONE Come da previsione scorsa tra venerdì e oggi, lunedì 20 Novembre 2017, sarebbe potuto finire il secondo Weekly. Per ora è
Piazza Affari. Inizio di settimana difficile per l’indice FTSE Mib, che dopo poco più di un’ora dall’avvio delle contrattazioni si trova invi
Guest post: Trading Room #265. Settimana difficile per la borsa italiana che però non va ancora a rovinare quanto di buono fatto fino ad ora. Il tr